Addio a Berlusconi, il cordoglio dei politici bresciani: "Un grande innovatore in qualsiasi campo" - news - Radiobresciasette
ON AIR
Selecta sunrise
tutte le “Hits” senza interruzioni
NEWS
Addio a Berlusconi, il cordoglio dei politici bresciani: "Un grande innovatore in qualsiasi campo"
19:48 lunedì, 12 giugno 2023
Addio a Berlusconi, il cordoglio dei politici bresciani: "Un grande innovatore in qualsiasi campo"

19:48 lunedì, 12 giugno 2023

«Il presidente Silvio Berlusconi è stato un protagonista di primo piano della vita di questo Paese, un grande innovatore in qualsiasi campo si sia applicato. Dall’impresa allo sport, dalla comunicazione alla politica: in ogni impegno che ha assunto, ha lasciato il segno della sua leadership, frutto di una personalità fuori dal comune e di un naturale carisma. La sua scomparsa lascia un grande vuoto nel Paese. Ora che la sua figura è stata consegnata alla storia, saranno riconosciuti interamente i suoi meriti e quell’amore che nutriva per il nostro Paese, che lo ha portato a diventare a tutto tondo un uomo delle Istituzioni. Anche chi, come me, ha avuto motivi di contrasto politico e ha fatto scelte diverse, non può che ricordarne le qualità umane e politiche. Alla famiglia e a tutta la comunità politica di Forza Italia, vanno le più sincere condoglianze». Così Mariastella Gelmini, vicesegretario e portavoce di Azione, ha commentato la scomparsa a 86 anni del Cavaliere.

Le parole di Adriano Paroli

«È una cosa inaspettata. Lui è un leone, tutti eravamo convinti che potesse farcela» il primissimo commento del senatore di Forza Italia Adriano Paroli. Berlusconi venne a Brescia l'11 maggio 2013 per chiudere in piazza Paolo VI o la campagna elettorale di Paroli, davanti a una folla divisa in due, tra sostenitori e contestatori. 

L'aneddoto di Viviana Beccalossi

«Ho avuto la fortuna di conoscere un grande italiano che ha cambiato nel bene e nel male l’Italia come nessun altro negli ultimi cinquant’anni». Così Viviana Beccalossi ricorda Silvio Berlusconi. «L’ultima volta che l’ho incontrato di persona è stato in occasione del ritorno della finale play-off Del Monza un anno fa». Beccalossi sfoglia poi l’album dei ricordi. «Politicamente ricordo un aneddoto di quando mi candidai a sindaco e lui venne sia alla presentazione della campagna elettorale che in chiusura promettendomi che sarebbe tornato per il ballottaggio. Quando dopo il primo turno riuscì a centrare il ballottaggio lui mi telefonò mentre Fini, che era il mio responsabile in Alleanza nazionale non lo fece, Berlusconi sì. E mantenne la promessa e tornò per il ballottaggio. È stato un grande uomo incapace di essere mediocre, nel bene e nel male».

Franco Nicoli Cristiani sul futuro di Forza Italia

«Provo un dolore immenso anche perché seppur ultimamente in difficoltà fisiche era ancora molto lucido e il pensiero correva veloce». Così Franco Nicoli Cristiani, storico esponente di Forza Italia a Brescia, assessore regionale e vicepresidente del Consiglio regionale, ricorda Silvio Berlusconi. 

«Sono affranto e mi auguro che tutti quanti e, sono davvero tanti, che hanno avuto da lui tutto ben oltre i loro meriti, oggi possono avere rispetto e si ricordino con deferente affetto di questo grande uomo» spiega Nicoli che sul futuro di Forza Italia dice: «Penso che il partito potrà andare avanti. Sarebbero sciocchi a buttare via un’esperienza e un patrimonio culturale e politico che al centro destra di oggi serve. Io - conclude Nicoli- sono stato vicino a Berlusconi nella buona e nella cattiva sorte e gli sarò eternamente grato».

Castelletti: «Ha segnato un'epoca»

Anche la sindaca di Brescia Laura Castelletti si unisce alle tante voci autorevoli che in queste ore ricordano il fondatore di Forza Italia: «Silvio Berlusconi ha profondamente segnato un’epoca della storia del nostro Paese e la sua scomparsa non può lasciare indifferenti, indipendentemente dal fatto che ci si sentisse vicini o meno al suo modo di essere e di fare politica - si legge in una nota diffusa dalla Loggia -. È stato un imprenditore e un politico di grande successo, protagonista della scena pubblica, ha inciso sulle sorti dell’Italia, delle Istituzioni e ha rappresentato milioni di cittadini, tra cui non sono mancati i bresciani, che in lui hanno riconosciuto un leader. Le mie condoglianze in queste ore tristi vanno quindi alla famiglia, agli amici, ai compagni di partito e ai sostenitori di Silvio Berlusconi, che hanno perso un importante riferimento».

Il compianto della Lega di Brescia

La Lega di Brescia «si stringe intorno alla famiglia di Silvio Berlusconi e alle persone a lui care in questo momento di dolore - fa sapere il partito in una nota -. Berlusconi è stato sempre vicino alla nostra città e l'ha dimostrato anche durante l'ultima campagna elettorale, quando non ha voluto far mancare il proprio contributo nonostante le precarie condizioni di salute. Il centrodestra perde una delle figure di riferimento del panorama nazionale e internazionale, un imprenditore che ha segnato la vita politica e imprenditoriale del nostro Paese. Ci auguriamo che la nostra città possa dedicargli il giusto ricordo pubblico e formale come merita una persona che ha ricoperto le più alte cariche istituzionali del nostro Paese».

Moraschini: «Un uomo eclettico che resterà nella storia»

Da Brescia arriva anche il cordoglio del presidente della Provincia Emanuele Moraschini: «Esprimo vicinanza ai parenti, agli amici, a Forza Italia, a tutti coloro che hanno amato Silvio Berlusconi, un uomo eclettico, lungimirante, ambizioso, che resterà nella storia per quanto concerne imprenditoria, politica e televisione».