Brescia, Bisoli ci crede: "Vogliamo i play off, magari in finale trovo mio padre" - news - Radiobresciasette
ON AIR
Non sparate all'armadillo
Giorgio Zanetti e Fulvio Marini
NEWS
Brescia, Bisoli ci crede: "Vogliamo i play off, magari in finale trovo mio padre"
20:18 lunedì, 29 aprile 2024
Brescia, Bisoli ci crede: "Vogliamo i play off, magari in finale trovo mio padre"

20:18 lunedì, 29 aprile 2024

Sulla consegna della fascia a Paghera: «Per lui era un sogno, spero gli abbia fatto piacere». Per Maran «il pareggio con lo Spezia ci sta, ma si poteva più vincere che perdere»

Un pareggio a tutto tondo: nel risultato e nel conteggio delle traverse, una per parte. Ma per Maran il Brescia «poteva più vincere che perdere» contro lo Spezia: «Al di là dell’episodio finale (la traversa di Kouda, ndr), che resta impresso. Abbiamo affrontato una squadra molto motivata, che ci ha messi in difficoltà nel primo tempo, ma poi siamo cresciuti e abbiamo fatto la partita che volevamo. Ci abbiamo provato fino alla fine, ed è quello che conta di più».

Nessun subentro, come da programma, per Moncini: «Devo dire la verità, non avevo intenzione di rischiarlo: il riscaldamento gli è servito come allenamento. Però migliora di giorno in giorno, per cui spero di riaverlo in gruppo tra domani e dopodomani».

Come Baggio e Guardiola

La cartolina della giornata è Bisoli che consegna la fascia a Paghera, che ha perso la madre due giorni fa: «A Fabrizio non l’avevamo detto - rivela Dimitri -, è un gesto che ho concordato con i compagni. È un ragazzo eccezionale, e per lui essere il capitano del Brescia poteva rappresentare un piccolo sogno: mi auguro che gli abbia fatto piacere».

In relazione all’obiettivo play off, Bisoli sogna e non si pone limiti: «Come tutti i miei compagni, del resto. Arrivarci sarebbe un grande successo, ma c’è bisogno del contributo di tutti, anche della piazza».

A tre giornate dalla fine, è tempo di fare anche qualche calcolo: «Mentirei se dicessi che non faccio tabelle (ride, ndr). Ma siamo quattro o cinque squadre raccolte in pochi punti: ci metto anche il Modena di mio padre, che è un furbacchione. Scherzando gli ho detto: “Magari ci vediamo in finale”».